SindacatoCultura

Dipartimento Giuridico

Tutela Fiscale & Tributaria

Menu Principale

Dipartimento giuridico

Tutela Fiscale & Tributaria

  • >   Home dipartimento

  • >  Avvisi di accertamento

    >  Accertamento tributario

    >  Studi di settore

    >  Redditometro

    >  Spesometro

    >  Riccometro

  • >  Cartelle e ingiunzioni di pagamento

    >  Cartelle/generalità

    >  art. 36bis DPR 600/73 e art. 54

        DPR 633/72

    >  ICI/IMU TASI TARI

    >  INPS/INAIL

    >  IRAP

    >  Imposta registro

    >  Imposta catastale

    >  Camera commercio

    >  Bollo veicoli

    >  Ingiunzione di pagamento

    >  IVA - Fatture per operazioni

        inesistenti

    >  Consorzio bonifica

    >  Rateazione di pagamento

  • >  Intimazione di pagamento

  • >  Fermo amministrativo

  • >  Iscrizione ipotecaria

  • >  Pignoramento

    >  Pignoramento stipendio

    >  Pignoramento pensione

    >  Pignoramento conto

        corrente

  • >  Espropriazione

  • >  Sequestro

    >  Sequestro conservativo

    >  Sequestro per equivalenza

  • >  Conciliazione e mediazione

        assistita tributaria

Consulenza Fiscale & Tributaria

  • > Pianificazione fiscale e finanziaria

  • > Pianificazione di marketing

  • > Costituzione societarie

  • > Liquidazione-fusioni e scissioni d'aziende

  • > Due diligence

  • > Redazione budget e business plan

Irap: professionista con segretaria

La Corte di Cassazione, a sezioni unite, con la sentenza n. 7371 del 14 aprile 2016, ha precisato che: “Quando l’attività è esercitata dalle società e dagli enti, che siano soggetti passivi dell’imposta a norma dell’art. 3 del D. Lgs. 15 dicembre 1997, n. 446 – comprese quindi le società semplici e le associazioni senza personalità giuridica costituite fra persone fisiche per l’esercizio in forma asso= ciata di arti e professioni – essa, in quanto esercitata da tali soggetti, strutturalmente organizzati per la forma nella quale l’attività è svolta, costituisce ex lege, in ogni caso, presupposto d’imposta, dovendosi perciò escludere la necessità di ogni accertamento in ordine alla sussistenza dell’auto= noma organizzazione”.

Infatti, il D.lgs 446/1997 stabilisce all’articolo 2, primo periodo, che “presupposto dell’imposta è l’esercizio abituale di una attività autonomamente organizzata diretta alla produzione o allo scambio di beni ovvero alla prestazione di servizi”, nel mentre nel secondo periodo si stabilisce che “costituisce in ogni caso presupposto d’imposta l’attività esercitata dalle società e dagli enti, com= presi gli organi e le amministrazioni dello Stato”.

Pertanto, “Il requisito della autonoma organizzazione dell’attività non è quindi richiesto in relazione all’attività delle società e degli enti, compresi gli organi e le amministrazioni dello Stato, in quanto l’attività esercitata da tali soggetti, a mente del secondo periodo dello stesso art. 2, costituisce in ogni caso presupposto d’imposta”.

Inoltre, il successivo articolo 3, “rendendo esplicito il catalogo dei soggetti passivi dell’imposta” individua espressamente, al comma 1, lettera c), le società semplici esercenti arti e professioni e quelle a esse equiparate ai fini delle imposte sui redditi (articolo 5, comma 3, del TUIR).

L’autonoma organizzazione, secondo il mutato orientamento della Cassazione, ricorre quando:

a ) il contribuente sia egli stesso responsabile dell’organizzazione (a prescindere dalla forma) e non sia, invece, inserito in strutture organizzative riferibili ad altrui responsabilità e interesse;

b ) impieghi beni strumentali eccedenti il minimo indispensabile per l’esercizio dell’attività, in as= senza di organizzazione, oppure si avvalga in modo non occasionale di lavoro altrui superiore a un solo collaboratore con mansioni di segretaria o mansioni esecutive.

In pratica, per verificare se vi è il presupposto dell’autonoma organizzazione (e, quindi, l’obbligo di pagamento dell’Irap), è “necessario accertare di fatto l’attitudine del lavoro svolto dal dipendente a potenziare l’attività produttiva”.

Devono quindi esistere uno o più elementi suscettibili di combinarsi con il lavoro dell’interessato, potenziandone le possibilità, in modo da porre il professionista in una condizione più favorevole di quella in cui si sarebbe trovato senza di esso.”

Un solo dipendente, con funzioni meramente esecutive (come può essere la segretaria) non potenzia la produttività, proprio per via dell’incapacità dello stesso di assumere decisioni autonome e di gestire “la produzione” anche in assenza del titolare.

Diverso è il discorso nel caso di un collaboratore che svolga mansioni professionali in grado di po= tenziare l’attività del contribuente.

L’obbligo del pagamento dell’Irap scatta quando il contribuente si avvale in modo non occasionale di più di un solo dipendente che esplichi mansioni di segreteria o meramente esecutive.

Ne sovviene che “l’assoggettamento al tributo regionale si verifica qualora siano impiegati a tem= po pieno due o più dipendenti o collaboratori con tali caratteristiche”, nel mentre si ritiene possi= bile lo impiego di due dipendenti part time, la cui attività equivale a quella di un dipendente a tem= po pieno, per cui, il professionista, l’artista o l’imprenditore individuale che impiega un solo collaboratore che esplica mansioni di segreteria o meramente esecutive non deve pagare l’Irap”.

Ne deriva che chi negli anni passati vi ha provveduto, può essere presentata istanza di rimborso nel termine di 48 mesi dal versamento, anche se, per il periodo d’imposta 2014, si può valutare la presentazione di una dichiarazione integrativa “a favore” entro il 30 settembre 2016.

 

Nicola Recinello Coordinatore Nazionale Dipartimento Giuridico Cisl Cultura

Avv. Ettore CoppolaConsigliere Dipartimento Giuridico Cisl Cultura

Link istituzionali

Pre.za della Repubblica

Senato

Governo Italiano

Camera

CISL

WEB TV

CISLCultura - Tutti i diritti riservati - 2017