Confronto aperto per gli Operatori Culturali in merito alla riforma del Terzo Settore, segue quanto pubblicato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Appuntamento mercoledì prossimo, 1 giugno, con il secondo "Botta e risposta con Bobba", diretta video durante la quale il Sottosegretario al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Luigi Bobba, ...

Segue lettura

Importante novità nel Terzo Settore per gli operatori culturali, si riporta quanto pubblicato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

La riforma del Terzo Settore trova il suo compimento. Con l'approvazione in via definitiva alla Camera del della legge Delega si costruisce un tassello essenziale delle nuove politiche sociali italiane. Finora quelle sul terzo settore erano leggi di derivazione fiscale che non tutelavano in modo universale quelle fasce più deboli ...

Segue lettura

Comunicato Associazioni

 

Scade il 31 maggio 2016 la presentazione per le associazioni che sono state finanziate nell'annualità 2015 e risultano destinatarie del contributo di cui alla Legge 438 del 1998. Occorre presentare al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali la relazione sul concreto perseguimento delle finalità istituzionali.

Stanziato finanziamento Volontariato, segue quanto pubblicato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

 

Ammontano a quasi mezzo milione di euro le risorse a disposizione per promuovere il volontariato nelle scuole. A seguito dell'accordo sottoscritto il 29 dicembre 2015 - tra Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Ministero dell'Istruzione, dell'Università ...

Segue lettura

Agli operatori agrituristici si riporta quanto pubblicato dalla Regione Lombardia con Decreto n. 4503 del 25.05.2016 in merito al riordino funzioni ambito agricolo e nuova modulistica agriturismo e fattoria didattica.

 

Vengono definite attività agrituristiche quelle attività esercitate esclusivamente dagli imprenditori agricoli ai sensi dell’articolo 2135 del codice civile. La Legge Regionale n. 31 del 5 dicembre 2008, “Testo unico delle leggi regionali in materia di agricoltura, foreste, pesca, e sviluppo rurale”, e le recenti integrazioni approvate con Legge Regionale n. 25 del 28/12/2011 (BURL n. 52 del 29/12/2011) al Titolo X “Disciplina regionale dell’agriturismo” affermano , all’art. 150, come attraverso l’agriturismo si favorisca: il permanere degli agricoltori sul territorio la valorizzazione del patrimonio rurale la valorizzazione dei prodotti agricoli di qualità.

Segue lettura

Si comunica agli operatori del settore, quanto pubblicato dalla Regione,  importante iniziativa riguardante la Variante del PPR, opportunità di confronto e sviluppo delle  realtà territoriali.

La variante del Piano Paesaggistico Regionale si inserisce nell’ambito del procedimento di approvazione della revisione del PTR-PPR avviato con d.g.r. n. 937 del 14 novembre 2013 e per il quale si è già svolto in data 15/10/2014 il 1° Forum pubblico e Conferenza di Valutazione.

 

Nell'ambito di tale procedura la Struttura Paesaggio, al fine di rendere più produttivo l'ascolto e il recepimento di osservazioni da parte dei territori, ha ritenuto utile organizzare dei momenti di confronto, presso gli Uffici Territoriali Regionali, sulla base delle fasce di paesaggio individuate dal PPR.

Segue lettura

Grande opportunità per i professionisti del turismo culturale del Lazio. Segue quanto pubblicato dalla Regione Lazio.

Dalla Regione un grande passo in avanti per tutelare i beni paesaggistici naturali, storici e architettonici con norme chiare e semplici per superare l’attuale frammentazione normativa in materia di paesaggio. Un’innovazione importante che tra le altre cose prevede anche la digitalizzazione e la georeferenziazione di tutte le mappe

18/03/2016 - Approvato il Piano Territoriale Paesistico Regionale, un grande passo in avanti per tutelare i beni paesaggistici naturali, storici e architettonici e per introdurre una grande innovazione con la digitalizzazione e la georeferenziazione di tutte le mappe.

Segue lettura

Legge Regionale n 26/2009 art. 6 Contributi ai soggetti del commercio equo e solidale individuati dalla Regione Emilia Romagna.

Si riporta quanto pubblicato dalla Regione in merito.

 

Sono previsti contributi, in regime de minimis, nella misura massima del 100% delle spese ammissibili, agli enti e organizzazioni del commercio equo e solidale riconosciuti dalla Regione Emilia Romagna finalizzati alla realizzazione delle giornate del commercio equo e solidale quale momento di incontro tra la comunità emiliano-romagnola e la realtà del commercio equo e solidale, nonché attraverso le seguenti attività di:

Segue lettura

>

Pres.za della Repubblica

>

Senato

>

Governo Italiano

>

Camera

>

CISL

SindacatoCultura

Dipartimento Operatori Economici Culturali